Best Bar None è un premio e, contestualmente, l’espressione di una metodologia finalizzati ad incentivare le buone pratiche e a migliorare l’esperienza di consumo nel settore dei pubblici esercizi. In particolare si propone di segnalare quei bar e quei locali significativamente attenti agli aspetti della sicurezza e del controllo nella distribuzione di bevande alcoliche.

  • Localizzazione: Gran Bretagna – Manchester e vari luoghi
  • Anno / epoca di realizzazione: 2003
  • Autore / ideatore : –
  • Gestore / proprietario:  –
  • Tipologia: Continua , night time economy

Chi la propone e dove

Istituito a Manchester nel 2003 (come iniziativa pilota) nell’ambito del progetto Manchester City Centre Safe (che era nato allo scopo di ridurre i comportamenti antisociali derivanti dall’alcolismo e che detiene tutt’ora la titolarità del progetto) dopo che una serie di ricerche specifiche aveva dimostrato la correlazione diretta tra questo genere di comportamenti ed evidenti manchevolezze nella conduzione dei locali pubblici. Tra le soluzioni indicate da queste ricerche vi era quella di sviluppare un nuovo approccio condiviso nell’ambito dell’economia della notte, con l’obiettivo di elevare gli standard operativi degli esercenti e di definire dei precisi benchmark a livello nazionale.

Come punto nodale di questa strategia veniva indicato un diverso affiatamento e grado di collaborazione tra esercenti, polizia e autorità locali che, infatti, costituisce l’essenza del programma BBN.

Nel corso del 2007 l’approccio metodologico proposto da BBN diventava protocollo nazionale e da quel momento anche il progetto (che ha una base essenzialmente cittadina) iniziava a diffondersi in tutta la

Gran Bretagna e oltre. Attualmente sono una settantina le città britanniche che lo hanno adottato mentre, fuori dal Regno Unito, ha iniziato a farlo lo stato dell’Alberta (Canada) e città importanti come Toronto, Edmonton e Calgary.

L’iniziativa gode, tra l’altro, del sostegno di importanti sponsor commerciali quali Molson Coors, Diageo, Heimeken e Bacardi.

Come funziona

Il programma si basa su una checklist di oltre 100 indicatori relativi a diversi aspetti della conduzione di un pubblico esercizio. Tali aspetti concernono essenzialmente:

  • Autorizzazioni, documenti e procedure scritte
  • Composizione e qualifica dello staff di gestione (grado di preparazione, ecc.)
  • I metodi di gestione e le procedure adottate
  • La condizione fisica del locale

Gli indicatori sono poi ulteriormente suddivisi in Essenziali, Auspicati e Bonus. L’esercente che intende accedere allo “schema” BBN è tenuto a compilare con i propri dati la checklist degli indicatori e a sottoporsi alla verifica di un “ispettore” del programma che viene ripetuta con cadenza annuale. Gli esercizi che avranno conseguito un punteggio sufficiente potranno accreditarsi della qualifica di BBN e utilizzare la “segnaletica” corrispondente (vetrofanie, ecc.). Quelli che avranno conseguito il punteggio più elevato riceveranno l’award annuale assegnato a livello cittadino.

Perché realizzarla

Tra gli obiettivi dichiarati del programma ci sono dunque:

  • La riduzione dei rischi collegati all’abuso di bevande alcoliche
  • Lo sviluppo e la condivisione di buone pratiche, a partire da quelle adottate dai pubblici esercenti
  • La segnalazione degli operatori turistici e commerciali “virtuosi” e più attenti all’adozione e allo sviluppo di queste buone pratiche
  • L’incremento dell’attrattività e del valore commerciale delle aree in cui la concentrazione di pubblici esercizi è maggiore
  • Il supporto a metodi e gruppi di lavoro compositi, in cui operano autorità di polizia, autorità locali e rappresentanze del commercio

 

Anagrafica rilevatore

Rilevatore: Andrea Pollarini

Ente / Istituzione di appartenenza :

Consenso :

http://blog.welcomingcities.it/wp-content/uploads/Best_bar_none.jpghttp://blog.welcomingcities.it/wp-content/uploads/Best_bar_none-150x150.jpgWelcoming CitiesCOINVOLGENTEBest Bar None è un premio e, contestualmente, l’espressione di una metodologia finalizzati ad incentivare le buone pratiche e a migliorare l’esperienza di consumo nel settore dei pubblici esercizi. In particolare si propone di segnalare quei bar e quei locali significativamente attenti agli aspetti della sicurezza e del controllo...CHANGE THE WORLD